logo Africans-Ukraine PNG- Fond transparent

Petizione all' Unione Europea e agli stati Schengen

FR | EN | DE | IT | ES | PT | UA

In solidarietà, poniamo fine alle sofferenze dei non ucraini in fuga dalla guerra

0
firme

   Objectifs :  

  • Personnalités : 10 signatures  
  • Organisations : 20 signatures   
  • Citoyen.nes : 250 signatures

L’Europa sta dimostrando grande solidarietà nei confronti degli ucraini in fuga dalla guerra. Purtroppo, questa solidarietà non si estende a tutte le vittime del conflitto. Centinaia di studenti africani e asiatici in fuga dall’Ucraina chiedono disperatamente ai paesi europei di permettergli di continuare gli studi. Il ritorno nei loro paesi d’origine senza aver completato l’istruzione sconvolgerebbe ulteriormente le loro vite. Hanno bisogno del vostro sostegno.

Leggi la petizione completa

Petizione all' Unione Europea e agli stati Schengen

In solidarietà, poniamo fine alle sofferenze dei non ucraini in fuga dalla guerra

La guerra ha costretto all'esilio oltre otto milioni di ucraini. Anche  cittadini di Paesi Terzi, per lo più studenti, che risiedevano in Ucraina sono stati costretti a fuggire dai bombardamenti.

L'Europa sta dimostrando grande solidarietà nei confronti degli ucraini ma purtroppo questa solidarietà non si estende a tutte le vittime del conflitto. Centinaia di persone provenienti dall'Africa e dall'Asia sono escluse dallo status di "protezione temporanea" nell 'Unione Europea (UE) e nell'area Schengen.

La base giuridica di questo trattamento differenziato è la decisione dell'UE del 4 marzo 2022 che concede la "protezione temporanea" ai rifugiati ucraini. Diversi paesi, legati dagli accordi di Schengen, hanno utilizzato questo principio come base per loro politiche di accoglienza delle persone in fuga dal conflitto.

Per ricevere protezione, i cittadini di Paesi Terzi devono avere un permesso di soggiorno valido in Ucraina e dimostrare di non poter tornare nel proprio paese in modo sicuro e permanente. Tutti coloro che non soddisfano queste condizioni, devono fare richiesta d’ asilo. Nella maggior parte dei casi, questo comporta quasi sempre il rimpatrio, in quanto la maggioranza sono studenti e quindi senza motivi per richiedere asilo.

A più di quattro mesi dallo scoppio del conflitto, l'UE offre protezione agli ucraini ma aggrava le sofferenze di migliaia di cittadini di questi Paesi Terzi che sono traumatizzati dalla guerra, spaventati da un rifiuto della loro domanda di protezione e dal rischio  di non poter proseguire gli studi. 

Secondo l'Unesco, nel 2020 l'Ucraina aveva circa 61.000 studenti stranieri. Questi studenti sono invisibili nelle statistiche sulla guerra ma le associazioni che li difendono parlano di un migliaio in Francia e poco meno di un centinaio in Svizzera. In Ucraina studiavano, tra le altre materie, sicurezza informatica, informatica,  medicina o chimica.

In un appello lanciato il 17 giugno 2022 in Svizzera, nell'ambito della giornata mondiale del rifugiato, gli studenti provenienti da Paesi Terzi spiegano che un ritorno nel loro paese senza aver completato la loro istruzione sconvolgerebbe ulteriormente le loro vite. Sentendosi abbandonati dai leader mondiali e dalle organizzazioni internazionali, queste persone in fuga dall'Ucraina affermano che l'incertezza sulla possibilità di accedere all'istruzione le sta consumando. Chiedono all'Europa di dare loro la possibilità di completare l'istruzione iniziata in Ucraina.

La nostro sostegno e la nostra solidarietà verso le persone in fuga dalla guerra in Ucraina non devono dipendere dalla nazionalità delle vittime. Noi, popoli dell'Europa, dell'Africa, dell'Asia, dell'America e del mondo, chiediamo alla Commissione europea, al Parlamento europeo, al Consiglio europeo e ai governi di ogni stato dell'area Schengen, compreso il Consiglio federale svizzero, di:

    - estendere la protezione temporanea a tutti i rifugiati in fuga dall'Ucraina, indipendentemente dalla loro nazionalità

    - istituire con urgenza un meccanismo ad hoc a livello europeo che consenta agli studenti dei Paesi Terzi di proseguire la propria formazione nelle università e negli istituti superiori europei

    - rilasciare, in mancanza di ciò, permessi di studio agevolati prima dell'inizio dell'anno accademico 2022-2023 ai cittadini di Paesi Terzi, per consentire loro di proseguire gli studi nelle università e negli istituti superiori europei per tutta la durata della guerra

Accogliendo queste richieste, l'Europa passerà alla storia ponendo fine al disagio dei cittadini di Paesi Terzi colpiti dalla guerra sul suo territorio. Contribuirebbe inoltre a scrivere una pagina più gloriosa nelle relazioni nord-sud.

Informazioni in caso di firma della versione cartacea

Se firmate la versione cartacea, compilate le informazioni sottostanti e spedite la petizione firmata a  
Cause dimenticate, C/o Espace création, Rue de la Dixence 10, 1950 Sion, Svizzera

La nostro sostegno e la nostra solidarietà verso le persone in fuga dalla guerra in Ucraina non devono dipendere dalla nazionalità delle vittime. Noi, popoli dell’Europa, dell’Africa, dell’Asia, dell’America e del mondo, chiediamo alla Commissione europea, al Parlamento europeo, al Consiglio europeo e ai governi di ogni stato dell’area Schengen, compreso il Consiglio federale svizzero, di:

Cittadini globali che ci sostengono:

0
Suisse
0
Francia
0
Belgio
0
Spagna
0
Italia
0
Germania
0
Canada
0
Africa

Le personalità che sostengono la nostra petizione:

Nationalrat Christophe Clivaz, GP-VS, portraitiert am Montag, 9. Dezember 2019 in Bern. (Parlamentsdienste/Alessandro della Valle)

Christophe Clivaz

Christophe Clivaz è un politico svizzero dei Verdi.Siede in Parlamento come membro del Consiglio nazionale.

Lizza Mazonne DR site web

Lisa Mazzone

Politico svizzero, membro del Partito dei Verdi (PES). È membro del Consiglio nazionale del Cantone di Ginevra dal 2015 al 2019, e poi del Consiglio degli Stati.

Boubacar_Diop_IMG_2389

Boubacar Boris Diop

Scrittore e intellettuale senegalese. Nel 2000 gli è stato conferito il Grand prix littéraire d'Afrique noire per l'insieme della sua opera.

Par Photograph by Rama, Wikimedia Commons,

Cc-by-sa-2.0-fr, CC BY-SA 2.0 fr,

photo_2022-07-11_18-29-25

Estelle Borel

Artista professionista diplomata alla FLIC, scuola di circo di Torino (IT).
Estelle ha co-fondato la Cie Cirqu'en Choc nel 2009 e da allora ne è il direttore artistico. È un'artista molto impegnata e creativa che ama stare vicino al pubblico.

Photo : Jeelle Anzevui

photo_2022-07-18_08-46-06

Pierre-André THIEBAUD

Autore, regista e produttore in Svizzera. Dal 1990 dirige la società di produzione PCT cinéma.

029 - copie 3

Isabelle Chevalley

Dr. Scientist, specialista in economia circolare, membro dell'Assemblea Nazionale Svizzera dal 2011 al 2021, visita l'Africa da 30 anni con numerosi progetti.

PierreBuehler_5

Pierre Bühler

Pierre Bühler, professore emerito presso le Università di Neuchâtel e Zurigo. Teologo ed etico nel campo della migrazione e dell'asilo.

noemimichel_m

Noemi Michel

Ricercatore-insegnante, operatore culturale e attivista nel campo del pensiero critico nero.

Photo Etonam 24h- @Patrick Martin

Etonam Ahianyo

Etonam Ahianyo è giornalista e agente di cambiamento. Coordina Save African-Ukraine, un progetto dell'associazione svizzera "Causes Oubliées", che assiste africani e altri cittadini non ucraini in fuga dalla guerra e difende i loro interessi in tutta Europa.

Le seguenti organizzazioni ci sostengono:

Europa

1- Causes Oubliées, Svizzera

2- Droit de Rester Neuchâtel, Svizzera

3- Solidarité sans frontières, Svizzera

4- Society Moko, Svizzera

5- Centre Suisses-Immigrés Valais (CSI VS), Svizzera

6- Apprentissages sans frontières, Svizzera

7- CRAN-Observatoire du racisme anti-Noir en Suisse

8- Collectif Afro-Swiss, Svizzera

9- Solidaires étudiant-e-s, Francia

10- Association Projet Nauyaca, Svizzera

11- REPER, Svizzera

12- Société Suisse d’ Espéranto, Svizzera

13- Collectif Afroféminist Amani, Svizzera

14- ARRiVATi, Germania

15- Africans From Ukraine, Germania

16- africanlivesmatter, Irlanda del Nord

 17- Choosehumanity, Svizzera

Africa

1- DIARISSO, Sénégal

2- Patronat de la Presse Togolaise, Togo

3-  Institut des Médias pour la Démocratie et les Droits de l’Homme (IM2DH), Togo

4- African Regional Organisation of the International Trade Union Confederation(ITUC-Africa), Togo

America e il resto del mondo

Petizione promossa da SaveAfricans-Ukraine, un’iniziativa dell’associazione “Causes Oubliées” di Sion.

CONTATTO

«Causes Oubliées/Forgotten Causes»

C/o Espace Création,

Rue de la Dixence 10

1950 Sion

Tél :+41 78 243 09 10

saveafricans.ukraine@gmail.com

SOSTENERE LA NOSTRA CAUSA

CH94 8080 8001 6528 02461

Causes Oubliées/Forgotten Causes

EN FR